la cura

Marxem uns dies de vacances a Ischia, al golf de Nàpols, torne dimarts. 

Et protegiré de les pors i de les hipocondries
dels torbaments que des de hui trobaràs pel teu camí.
De les injustícies i dels enganys del teu temps
del fracassos que per la teua natura normalment atrauràs.
T’alleujaré dels dolors i dels teus canvis d’humor,
de les obsessions i de les teues manies.

Una cançó dolça i balsàmica, espere que la terra tinga cura de tots nosaltres.

(a vull llegir… hi ha la lletra)

La cura.
Franco Battiato

Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce
per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te.
Vagavo per i campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissà).
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all’essenza.
I profumi d’amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d’agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
TI salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te…
io sì, che avrò cura di te.

9 pensaments a “la cura

  1. i uns dies molt clars, de cor vos desitjam, alleugerir les pors i percaçar la paciència, assolir la resistència de les fulles a la pluja constant d’entrebancs. Una besada i torneu. Amb tendresa ( nosaltres anem a Barcelona…ja saps )

  2. 1: «Parola breve e vastissima, parola-mondo»; 2: «L’amore diceva Rilke, in questo consiste: che due solitudini si toccano e si proteggono e si sostengono l’un con l’altra. E continuano a giocare, lealmente. Più o meno», Dizionario affettivo della lingua italiana, sub voce «Cura».

Deixa un comentari

L'adreça electrònica no es publicarà. Els camps necessaris estan marcats amb *